Le unità di controllo e i gambali per CPI offrono un metodo sicuro ed efficace per prevenire il tromboembolismo venoso (TEV), replicando i naturali meccanismi adottati dal corpo.

All'avanguardia nella prevenzione del TEV

 

Il TEV è una condizione clinica caratterizzata dalla compresenza di trombosi venosa profonda (TVP) ed embolia polmonare (EP).

Le unità di controllo per CPI contribuiscono a mitigare non uno ma ben due fattori di rischio associati all'insorgenza del TEV: stasi venosa e ipercoagulabilità.

Il ciclo di gonfiaggio-sgonfiaggio della terapia con CPI simula la normale azione pompante di coscia, polpaccio e piede durante la deambulazione, aumentando sia il volume sia la portata del flusso sanguigno, eliminando la stasi venosa e replicando gli effetti della naturale azione pompante dei muscoli (1). 

Questo offre benefici ai pazienti non deambulanti mediante:

  • la riduzione della ipertensione venosa; 
  • lo svuotamento delle tasche valvolari, sede della formazione dei trombi e 
  • la riduzione dell’edema interstiziale (2).

La CPI offre un duplice beneficio ematologico: sopprime l'attivazione dei pro-coagulanti e migliora la fibrinolisi a livello globale (3).

Questo metodo meccanico di prevenzione del TEV non presenta rischio di emorragie e può essere usato in modo complementare ai metodi farmacologici per aumentarne l'efficacia nei pazienti ad alto rischio.

Il marchio Flowtron®, presenza saldamente radicata e ben conosciuta, ha continuato a progredire a passo costante negli ultimi 30 anni, mettendo a disposizione prodotti efficaci per la prevenzione della TEV.

Nel corso di questo periodo, diversi studi clinici internazionali indipendenti hanno confrontato i sistemi di profilassi per il TEV Flowtron di ArjoHuntleigh con altri metodi per la prevenzione del TEV: i risultati mostrano che la terapia di CPI  di Flowtron rappresenta un metodo per la prevenzione del TEV che ha prezzi contenuti ed evita effetti collaterali come l'emorragia.

Studi clinici sui sistemi di CPI Flowtron di ArjoHuntleigh per la prevenzione del TEV hanno dimostrato in modo coerente un basso tasso di insorgenza della TVP nei gruppi ad alto rischio (4).

Per ulteriori informazioni, consultare la sezione Prove cliniche

Bibliografia

1.Morris RJ, Woodcock JP (2004). Evidenced based compression: prevention of stasis and deep vein thrombosis. Annals of Surgery; 239(2): 162-171.

2.Kumar S, Walker M. The effects of intermittent pneumatic compression on the arterial and venous system of the lower limb: a review. Journal of Tissue Viability. 2002; 12(2): 58-65.

3.Morris RJ, Giddings JC, Ralis HM, Jennings GM, Davies DA et al (2006). The influence of inflation rate on the hematologic and hemodynamic effects of intermittent pneumatic compression for deep vein thrombosis prophylaxis. Journal of Vascular Surgery; 44(5): 1039-1045.

4. Incidenza della TVP ricavata da risultati pubblicati relativi a studi su Flowtron, compresi studi sul flusso sanguigno, sui fibrinolitici e sulla compliance: 1992-2007.

Questa bibliografia è tratta dalla sempre più fornita biblioteca clinica di ArjoHuntleigh.